Cerca 
 Ricerca Autori medievali
 
 precedente        
         
 
Alcuino

De orthographia

Edizione critica a cura di Sandra Bruni

Ril.  pp. LXXXII-46, € 33
CollanaMillennio Medievale, 002
SottocollanaTesti, 02
anno1997
isbn88-87027-05-6
Disponibilitàdisponibile
  
 aggiungi al carrello |  stampa scheda
 
   
Nel ritiro di Tours, lontano dalla Corte, negli anni che precedono l’incoronazione imperiale di Carlo Magno e la revisione della Bibbia, Alcuino scrisse il De orthographia, con l’intento, forse, di stabilire una normativa ortografica durante la revisione del testo biblico, come anche di fornire rigide regole di riferimento per gli amanuensi, nonché di mettere a punto il nuovo sistema di pronuncia, non più coincidente con quello grafico. Il De orthographia chiude il ciclo delle opere didascaliche scritte precedentemente e sigla l’impegno svolto da Alcuino, definito da alcuni «l'inventore del latino medievale», come ispiratore e promotore della riforma culturale e scolastica carolingia. Il testo, che è stato tramandato nel Medioevo in due redazioni distinte, contaminate nelle edizioni a stampa moderne, riproduce la lezione della redazione chiamata a, la prima autenticamente e sicuramente scritta da Alcuino.
     
     
         
Questo sito utilizza Cookies per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi. Proseguendo la navigazione acconsente all’uso dei Cookies (informativa estesa)
We use cookies to enhance your visit. By continuing to browse the site you approve our Cookie Policy
OK