Cerca 
 Ricerca Autori medievali
 
 precedente        
         
 

Lettere per una nuova cultura. Gianfranco Contini e la casa editrice Einaudi (1937-1989)

A cura di Maria Villano

Bros.  pp. LXXVI-716 con 1 tav. f.t., € 105
CollanaCarte e carteggi. Gli archivi della Fondazione Franceschini, 25
anno2019
isbn978-88-8450-916-1
Disponibilitàdisponibile
  
 aggiungi al carrello |  stampa scheda
 
   
Gianfranco Contini è morto da pochi mesi quando esce, nel dicembre 1990, una plaquette a cura di Paolo Di Stefano che regala agli azionisti della casa editrice alcune delle lettere più interessanti del decennio 1945-54, tratte dal fitto carteggio che per un cinquantennio intercorse tra il filologo e la Einaudi. A patrocinare l’impresa è proprio Giulio Einaudi, che ne firma l’introduzione definendo questo scambio epistolare «uno squarcio sulla vita segreta della casa editrice in quegli anni, sulla consuetudine al dibattito che è stata, ed è, la sua forza». Per anni questo incartamento – composto da circa 650 missive, escluse quelle di carattere meramente amministrativo – è rimasto depositato presso l’Archivio di Stato di Torino (dove tuttora si trova) a disposizione degli studiosi; mentre l’auspicio di Giulio Einaudi di vederlo integralmente pubblicato – dopo la sua morte, raccolto da Roberto Cerati – è rimasto a lungo disatteso. Nel 2012 la pubblicazione dell’inventario dell’Archivio di Gianfranco Contini per opera di Claudia Borgia ha dato nuovo slancio allo studio di queste carte e ha permesso di ricomporre l’intera corrispondenza, anche con significative integrazioni: una su tutte, una importante lettera di Leone Ginzburg al giovane curatore delle Rime di Dante. Quella che qui viene presentata è dunque l’edizione completa di questo carteggio, testimonianza di un mondo culturale ormai scomparso ma la cui eredità ancora non ha finito di esercitare il suo impulso vitale. È un dialogo che restituisce il costruirsi di un edificio letterario e culturale, nel quale prendono parola gli einaudiani – un vero e proprio cenacolo di intellettuali che attorno al leggendario tavolo ovale decide molto della cultura italiana del secondo Novecento – e Gianfranco Contini, che del programma europeo del catalogo Einaudi è stato uno dei nomi di punta.
     
     
         
Questo sito utilizza Cookies per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi. Proseguendo la navigazione acconsente all’uso dei Cookies (informativa estesa)
We use cookies to enhance your visit. By continuing to browse the site you approve our Cookie Policy
OK