Cerca 
 Ricerca Autori medievali
 
 precedente        
         
 

Bibliotheca Gregorii Magni Manuscripta. 2. Chur – Grenoble

Census of Manuscripts of Gregory the Great and His Fortune (Epitomes, Anthologies, Hagiographies, Liturgy)

A cura di Fabiana Boccini. Avviso al lettore di Agostino Paravicini Bagliani

Bros.  pp. XXVI-214, € 155
CollanaBiblioteche e archivi, 34
SottocollanaBibliotheca Gregorii Magni Manuscripta. Censimento dei manoscritti di Gregorio Magno, 02
anno2018
isbn978-88-8450-887-4
Disponibilitàdisponibile
  
 aggiungi al carrello |  stampa scheda
 
   
Nell’ambito delle ricerche promosse dalla Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (S.I.S.M.E.L.) riguardo allo studio della fortuna dei Padri nel Medioevo, è stato sviluppato, a partire dal 2001, un progetto già formulato da Claudio Leonardi a Chantilly nel 1982, concernente la ricezione e la diffusione delle opere e del pensiero di papa Gregorio. La ricerca, finalizzata alla realizzazione di un censimento di codici su larga scala, si basa sull’individuazione di tutti i testimoni che tramandano opere del pontefice e scritti relativi alla sua fortuna. Ad oggi sono stati censiti oltre 8.400 manoscritti, reperiti nei cataloghi pubblicati a stampa e on-line entro il 2010; essi non esauriscono sicuramente il patrimonio gregoriano ancora esistente, ma permettono di valutarne l’importanza e l’influsso nell’elaborazione intellettuale dalle origini del Medioevo al secolo XV. Le opere sono distinte secondo le seguenti modalità: opere gregoriane autentiche; opere dubbie ovvero sulla cui attribuzione la critica non è concorde (Gregorius I papa?); opere pseudoepigrafe ovvero tradizionalmente attribuite a Gregorio ma riconosciute spurie dalla critica (Gregorius I papa ps.); opere attribuite ovvero opere e testi spurii, identificati e non, occasionalmente attribuiti a Gregorio in alcuni testimoni (attr. Gregorio I papa); epitomi e florilegi delle opere gregoriane; agiografie in prosa o versi e testi di varia natura su Gregorio; estratti gregoriani individuati mediante le segnalazioni catalografiche ma non più precisamente identificabili; tabulae et accessus ovvero testi di accompagnamento alle opere gregoriane con circolazione anche autonoma.
Questo secondo fascicolo comprende i codici gregoriani conservati nelle sedi alfabeticamente comprese tra Chur e Grenoble, per un totale di 1.524 schede.

     
     
         
Questo sito utilizza Cookies per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi. Proseguendo la navigazione acconsente all’uso dei Cookies (informativa estesa)
We use cookies to enhance your visit. By continuing to browse the site you approve our Cookie Policy
OK