Cerca 
 Ricerca Autori medievali
 
 precedente        
         
 
Laudivio Zacchia

De captivitate ducis Iacobi

Edizione critica, traduzione e commento a cura di Attilio Grisafi

Bros.  pp. LXXIV-104, Ç 36
CollanaTeatro Umanistico, 12
anno2013
isbn978-88-8450-517-0
DisponibilitÓdisponibile
  
 aggiungi al carrello |  stampa scheda
 
   
Il De captivitate ducis Iacob Ŕ una tragedia latina in versi scritta da Laudivio Zacchia e dedicata a Borso d'Este, probabile committente dell'opera. La vicenda ripercorre le ultime tappe della vita di Iacopo Piccinino, allora noto e temuto capitano di ventura, assassinato a Napoli nel 1465 per ordine di Ferrante d'Aragona e con la complicitÓ del duca di Milano Francesco Sforza. La composizione del De captivitate ducis Iacobi Ŕ riconducibile al rinnovato entusiasmo per gli studi sulle tragedie di Seneca che influenzarono profondamente la scrittura di Laudivio. Dal punto di vista drammaturgico, il De captivitate rivela numerose analogie con la tragedia antica: la suddivisione in cinque atti, il ruolo dei cori, la polimetria, la presenza di personaggi ricorrenti, quali, ad esempio, il consigliere o il messaggero. Non mancano tuttavia soluzioni originali, come la trasposizione in scena dello stesso duca Borso d'Este, che richiama le forme della sacra rappresentazione medievale e la rottura delle unitÓ di tempo e di luogo. Il De captivitate ducis Iacobi Ŕ trÓdito da un unico codice, conservato presso la Biblioteca Estense di Modena. Il testo critico qui presentato Ŕ corredato di traduzione a fronte, la prima in lingua italiana, ed Ŕ accompagnato da note di commento.
     
     
         
Questo sito utilizza Cookies per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi. Proseguendo la navigazione acconsente allĺuso dei Cookies (informativa estesa)
We use cookies to enhance your visit. By continuing to browse the site you approve our Cookie Policy
OK