Cerca 
 Ricerca Autori medievali
 
 precedente        
         
 
Domizio Calderini

Commentarioli in Ibyn Ovidii

A cura di Luca Carlo Rossi

Ril.  pp. X-120, € 36
CollanaIl Ritorno dei Classici nell'Umanesimo, I.3
SottocollanaCommenti ai testi latini, 03
anno2011
isbn978-88-8450-379-4
Disponibilitàdisponibile
  
 aggiungi al carrello |  stampa scheda
 
   
L'Ibis di Ovidio è un testo breve, cattivo, dettato dall'odio contro l'innominato artefice dell'esilio che ha colpito il poeta, un concentrato di maledizioni ricavate da miti spesso rari, evocati con linguaggio criptico. Si tratta di un'opera perfetta per il gusto erudito della stagione umanistica inaugurata da Domizio Calderini, non solo per la rarità del sinistro libello e per la consonanza col clima violento delle dispute fra umanisti, ma soprattutto perché l'obscuritas ovidiana permette al giovane docente dello Studium romano di brillare quale commentatore specializzato nel sollevare la cortina di buio che avvolge gli scritti dei classici ignoti alle età anteriori. Nati in seguito a un corso universitario, i Commentarioli in Ibyn vengono stampati nel 1474 con la dedica al potente Falcone Sinibaldi, e si rivolgono al pubblico degli addetti ai lavori, invitati a fornire il loro contributo con l'apporto di nuove fonti, quasi in gara con il formidabile corredo di auctoritates esibite da Calderini, che sottolinea in particolare il ricorso al patrimonio della cultura greca da poco recuperata. I nomi di Apollodoro, Licofrone, Pausania, Strabone e Apollonio Rodio costituiscono la più squisita prelibatezza di un commento allestito con chiaro intento autopromozionale e con l'entusiasmo pionieristico di chi rivendica una novità di metodo, per quanto praticato in modo incerto, tumultuoso, con approssimazioni ed errori successivamente rimproverati all'autore da Angelo Poliziano. Ne risulta tuttavia un'operazione esegetica laboriosa e impegnativa, destinata a godere di una lunga fortuna per il dispiego di fonti latine e specialmente greche che Calderini identifica con piglio polemico contro colleghi antichi e contemporanei.
     
     
         
Questo sito utilizza Cookies per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi. Proseguendo la navigazione acconsente all’uso dei Cookies (informativa estesa)
We use cookies to enhance your visit. By continuing to browse the site you approve our Cookie Policy
OK