Cerca 
 Ricerca Autori medievali
 
 precedente        
         
 

Cultura enciclopedica nell'Occitania dei trovatori: il libro XV dell'«Elucidari de las proprietatz de totas res naturals»

Edizione critica, traduzione e commento a cura di Simone Ventura

Bros.  pp. LXXXVIII-255, € 48
CollanaCorpus des Troubadours, 01
SottocollanaÉditions, 01
anno2010
isbn978-88-8450-399-2
Disponibilitàdisponibile
  
 aggiungi al carrello |  stampa scheda
 
   
Questo volume raccoglie l’edizione del libro xv dell'Elucidari de las proprietatz de totas res naturals, traduzione occitanica del De proprietatibus rerum, fortunatissima compilazione enciclopedica duecentesca di Bartolomeo Anglico. Il manoscritto che ci tramanda l'Elucidari è il frutto dell’iniziativa di una delle più attive corti dell’Occitania medievale: quella di Gastone III di Foix-Béarn, meglio noto come Gaston Fébus. Il libro xv dell'Elucidari, intitolato De las proensas et regios del mon, è una descrizione della geografia del mondo così come appariva agli occhi di una persona colta intorno alla metà del Trecento. Come monumento linguistico, l'Elucidari testimonia la vitalità dell’occitanico anche in un'epoca, quella post-trobadorica, considerata di decadenza.
     
     
         
Questo sito utilizza Cookies per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi. Proseguendo la navigazione acconsente all’uso dei Cookies (informativa estesa)
We use cookies to enhance your visit. By continuing to browse the site you approve our Cookie Policy
OK