Cerca 
 Ricerca Autori medievali
 
 precedente        
         
 

Oggetto e spazio. Fenomenologia dell'oggetto, forma e cosa dai secoli XIII-XIV ai post-cartesiani

Atti del convegno (Perugia, 8-10 settembre 2005)

A cura di Graziella Federici Vescovini e Orsola Rignani

Bros.  pp. VIII-333, € 45
CollanaMicrologus Library, 24
anno2008
isbn978-88-8450-268-1
Disponibilitàdisponibile
  
 aggiungi al carrello |  stampa scheda
 
   
G. F. Vescovini, Introduzione - L. Pepe, Oggetto e spazio in Temistio - J. Biard, La position d'objet dans la théorie de la connaissance de Pierre d'Ailly - G. d'Onofrio, Consequentia rerum: le parole e la distinzione de le cose nel pensiero di Dante - N. El-Bizri, Le problème de l'espace: approches optique, géometrique et phénoménologique - R. Rashed, L'étude mathématique du lieu - G. Federici Vescovini, La nozione di oggetto secondo la Perspectiva di Teodorico di Friburgo - O. Rignani, Il concetto di oggetto visivo nel pensiero di Biagio Pelacani da Parma - C. Pedretti, Dall'ombra all'oggetto come percorso filosofico in Leonardo - C. Trottmann, Horizontalité et verticalité des objets de connaissance dans le Livre du Sage de Charles de Bovelles - V. Sorge, Me autem vellent comburere... La questione dell'oggetto in Pietro Pomponazzi - F. Bonicalzi, Corpi e spazio nel pensiero di Galileo - R. Perini, Objectum in Descartes: valenza epistemica e valenza ontologica - M. Perrot, Espace baroque et anamorphose de l'objet - A. Allegra, Lo specchio e il velo. Rappresentazione e realtà in Locke - N. Panichi, Forma e spazio della relation avec autrui. Montaigne oltre l'Apologie de Raymond Sebond - G. Cacciatore, L'oggetto della scienza in Vico - A. Pieretti, Cose e caratteri negli scritti leibniziani di logica - F. Piro, L'argomento precursore. Geometria e dinamica negli scritti parigini di Leibniz - C. Ferrini, Fenomenologia dell'oggetto nel pensiero scientifico moderno: l'idealismo della ragione osservativa in Hegel - G. Mari, Dalla "scienza della visione" ad Internet. L'universale individuale tra Leibniz, Kant e Licklider - C. Vinti, L'oggetto finalmente perduto
     
     
         
Questo sito utilizza Cookies per garantire una ottimale fruizione dei suoi servizi. Proseguendo la navigazione acconsente all’uso dei Cookies (informativa estesa)
We use cookies to enhance your visit. By continuing to browse the site you approve our Cookie Policy
OK